Trading online: Truffa pericolosa che ti fa perdere soldi?

Trading online: Truffa pericolosa che ti fa perdere soldi?

Indice

Chiudi

Truffe online, trading fasullo e come difendersi.

Il lockdown ha bloccato l’economia, ma non le truffe che si sono evolute tramite l’impiego di internet.
Tanti programmi televisivi si stanno occupando di questo fenomeno in continua crescita che desta non poche preoccupazioni: Le truffe online e, le più diffuse, truffe telefoniche.

Operando massicciamente sul web come avvocati online, siamo consci del potere di internet, ed è proprio per questo motivo che abbiamo deciso di analizzare alcune tra le più frequenti chiavi di ricerca utilizzate sul nostro blog, proprio da voi utenti, al fine di reperire utili informazioni giuridiche.

Incredibilmente sono balzate alla nostra attenzione parole chiave come “truffa online come recuperare i soldi“, oppure “Truffa forex” o ancora “trading online Italia“.

La lista è davvero lunga e non si limita, certo, a queste poche parole chiave che abbiamo appena riportato.  Proprio per questo motivo, abbiamo deciso di aprire una sezione del blog solo ed esclusivamente dedicata alle frodi online e le truffe su internet.

Purtroppo attualmente, nonostante l’allerta lanciata da parte dei telegiornali e dalle principali testate giornalistiche nazionali, si registrano sempre tante, e sicuramente troppe, vittime di frodi su internet e riteniamo, quindi, che sia essenziale informare i cittadini italiani a 360°.

Una tra le truffe sul web che ha mietuto più vittime è, purtroppo, il trading online.

Come funziona la truffa del Forex e qual è la verità sul trading online?

Prima di tutto occorre sapere cosa significa Forex o FX. Il termine forex è una semplice abbreviazione di due parole inglesi: “foreign exchange‘ che letteralmente significa “valuta estera”.  L’attività principale del Forex risiede nella negozizione di valute di paesi diversi l’una contro l’altra mettendo in atto, a livello internazionale, investimenti di cambio.

Investire nel Forex risulta essere molto vantaggioso, ed è effettivamente possibile realizzare un’interessante margine di guadagno sui capitali investiti. Ovviamente, tutto questo è possibile solo ed esclusivamente se le attività di brokeraggio sono lecite ed i broker ai quali ci si affida sono dei reali professionisti e non dei criminali.

Tra l’altro molte sono le società trading on line serie  che stanno cercando di far capire le differenze tra operazioni online illecite e quelle consentite, quindi è sempre bene restare contantemente aggionrati.
Un impegno che non riesce, però, a fermare molti “imbroglioni invisibili”.
Quindi: “trading online: truffa o realtà?“. Cerchiarmo di capirlo in questo articolo di approfondimento.

Devi sapere che i truffatori utilizzano in genere due strumenti per carpire, in prima istanza, la buona fede del povero malcapitato, e vale a dire:

  • Contatto telefonico;
  • Contatto tramite la messaggistica e-mail o sms.

Purroppo constatiamo, anche in base a tutte le segnalazioni che ci arrivano ogni giorno che, in egual misura, entrambi i sopra citati approcci, riscuotono praticolare successo.
Infatti, questi esperti delle truffe online, attraverso l’uso della persuasione e la poca esperienza degli utenti con i quali incominciano a relazionarsi, riescono, con poche parole, a guadargnarsi la loro fiducia per poi mettere in atto la famosa truffa del trading online.

I truffatori fanno leva sui sogni delle persone e sulla possibilità di un facile guadagno a fronte di un piccolissimo investimento iniziale. Poi, piano piano, inventandosi le più fantasiose storie, ti chiedono altri soldi per sbloccare le fantomatiche somme che hai guadagnato. In men che non si dica, se ci caschi, ti ritroverai a rivigorire le tasche di questi lestofanti restando, alla fine, senza un centesimo sul conto.

Ci teniamo a precisare immediatamente che il trading online esiste, e non sempre si ha a che fare con dei truffatori, anzi, spesso e volentieri il trade online funziona e, come abbiamo precedentemente affermato, da anche delle belle soddisfazioni.
Ciò che però va sempre ricordato è che il “trading sicuro”, è sottoposto ad alcune rigide regole europee controllate in Italia, tra l’altro, della Consob.

Per tutelarti devi sempre e comunque:

  • Controllare che i dati della società di trading on line che ti ha contattato siano corretti e che esistano davvero;
  • Non firmare mai nessun documento inviato per email inserendo i tuoi dati personali o informazioni sensibili;
  • Dovrai controllare su internet i numeri dai quali ti hanno chiamato. Spesso,infatti, capita che, se si tratta di truffa online, quei numeri saranno stati già segnalati da qualche altro malcapitato utente del web;
  • Non dovrai mai rispondere di sì a qualsiasi domanda rivoltati. Questi truffatori utilizzano spesso le tue dichiarazioni manipolandole a loro piacimento grazie a dei programmi di montaggio audio;
  • Evita di cliccare su i link che ti arrivano da email sconosciute o tramite SMS.

Nel caso in cui avessi qualche dubbio o avessi preso sottogamba una delle indicazioni su fornite, ti consigliamo di rivolgerti immediatamente ad un legale, va bene anche un avvocato online, che potrà fare per te le dovute verifiche.
Sapevi che se ti tuteli legalmente hai più possibilità di recuperare il denaro che hai investito o che eventualmente hanno cercato di rubarti? Nel caso in cui tu avessi sfrotunatamente già versato tanti soldi sul conto del truffatore, sapevi che è importantissimo procedere con la massima tempestività?

Trading online: Truffa pericolosa che ti fa perdere soldi?

Il trading online funziona davvero?

Iniziamo con lo “spezzare una lancia” in favore dei broker, professionisti seri e qualificati che operano nel trading online.

Tutti noi, speriamo di trovare dei metodi di investimento che consentano di farci guadagnare dei soldi extra (e non c’è nulla di male in tutto ciò).
Altri invece vogliono solo mettere al sicuro i propri risparmi da un’inflazione devastante (ed il che è anche concepibile).

Insomma, si fa quel che si vuole col proprio denaro. Il peccato è quando si eccede nella non prudenza, quando si ha un approccio troppo superficiale in merito a degli eventuali investimenti o quando si crede che una soluzione alla propria vita finanziaria sia irripetibile ed unica e pertanto debba essere presa al volo. Ecco, in questi casi, la truffa online è dietro l’angolo. Stai quindi molto attento.

Il trading online funziona davvero con una società di trading on line affidabile (e chiaramente con le dovute competenze di settore).
Le società di trading online serie e legali, sono tutte iscritte regolarmente alla Consob. Inoltre, i dati dell’azienda o del broker al quale ti affiderai (compresa la partita Iva) saranno controllabili tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate. Da qui non si scappa. Ti consigliamo vivamente quindi di non affidarti mai ad alcun broker estero che ti fornisca dati non riscontrabili sui portali indicati. Fare questo controllo è facile e veloce e ti eviterà senza ombra di dubbio, spiacevoli sorprese in futuro.

Se il broker che ti propone di fare trading non ti fornisce i dati sicuramente è un campanello d’allarme che ti deve far aprire bene gli occhi.

Ma come funziona il trading online “vero”?

Iniziamo col dire che è praticamente impossibile che ti chiami un broker per proporti un investimento, poiché non ti conosce.
Questo professionista non è a conoscenza dei tuoi risparmi, non sa se sei un imprenditore o una persona benestante, quindi, perché ti dovrebbe proporre un investimento online?

I dati che sicuramente possiede, per avere un appeal maggiore mentre interloquisce con te, possono essere:

  • Nome;
  • Cognome;
  • Ragione Sociale della tua attività;
  • Partita IVA;
  • Codice fiscale.

Come puoi immaginare, tutti questi dati sono facilmente reperibili sulle pagine bianche e gialle online o comunque con un minimo di dimestichezza con internet.

Ricorda che stiamo pur sempre parlando di persone che mettono in atto truffe trading e cose simili. Insomma, un paio di click, e qualcosina in più la sanno fare, fidati.

E non credere nemmeno che chi ti chiama sia un necessarimente un centralinista: molto probabilmente chi si mette in contatto con te è proprio il truffatore (o i truffatori) che sono alla ricerca della “vittima” ideale.

Non compevolizzarti troppo se sei stato incauto in passato. Purtroppo siamo tutti papabili vittime, perché, in questo momento di crisi economica, è facile credere a chi dichiara di poterci far guadagnare online in modo sicuro. Necessitiamo, dopotutto e in qualche modo, di credere che qualcosa di buono possa accadere anche a noi in questo perido così buio dell’economia mondiale.

Ma ricorda sempre che, quando deciderai di investire in borsa, o comunque di avviare un’attività di trading online,  sarà sempre tu a decidere come, quando e a chi  rivolgerti e non il contrario.

È impossibile che un professionista serio e che si rispetti, si metta in contatto con te per spingerti a degli investimenti online vantagiosi.

Da escludere al 100%.
Ci siamo intesi?

Messaggi truffa, ecco i più comuni.

Le dinamiche sono pressocchè sempre le stesse e le più comuni sono le seguenti:

  • Ti arriva un messaggino sottoforma di SMS che dichiara che puoi guadagnare solo ed esclusivamente collegandoti ad un determinato sito e niente più.
  • Ricevi una email che inizia con: il trading online truffa o realtà? E poi si presenta un testo lunghissimo che cerca di spiegarti (con l’intento, chiaramente, di persuaderti) del perché della loro fantomatica professionalità e della loro lunga esperienza maturata nel settore finanziario che ha fatto arrichhire centinaia persone online e che, guarda caso, il prossimo potresti essere proprio tu.
  • Ricevi per email o addirtittura per posta ordinaria un messaggio che incomincia con “Sappiamo che ti preoccupi, ma la nostra società trading on line è seria e….” Poi il discorso continua fino a che non trovi il modulo dove ti viene chiesto un deposito di 200 euro o, peggio ancora, il numero del tuo conto corrente.

Come largamente anticipato, il termine più usato per fare truffe online è sicuramente “Forex”. Incredibile, vero? Sicuramente è un termine affasciante, anche perché, proprio tanti ci cascano.
Ma ora sai cos’è il Forex, giusto?
Detta in parole povere, e senza entrare necessarimente in inutili tecnicismi, il Forex è un mercato reale di cambio valutario.
Nella conversione dei mercati economici, il Forex è il più importante poichè riesce a muovere un alto volume di capitali.
Quindi la domanda è più che lecita: “Forex truffa o no?”
Se ti affidi a dei professionisti seri sicuramente a questa domanda otterrai una risposta non troppo dissimile da quella che stiamo per riportare: “Fare trading è pericoloso“. Si hai letto bene. Non esistono investimenti sicuri e che ti diano la garanzia di un guadagno certo.

Diffida, quindi, da chiunque voglia venderti prodotti finanziari collegati al trading online e che ti garantisca al 100% la possibilità di successo.

Sono talmente tante le testimonianze degli utenti che sono stati gabbati e frodati online e che ci contattano per la redazione di una querela, che abbiamo deciso di fornire, appunto, qualche informazione in più che sia utile a capire a quali messaggi è meglio non rispondere affatto.

Metodi usati per fare una truffa online.

Sono due i metodi di convincimento usati da questi esperti delle truffe on line, e vale a dire:

  • Tendono ad ingolosire il cliente offrendogli la possibilità (il più delle volte limitata nel tempo) di investire una piccola somma di denaro a fronte di un alto guadagno nel breve periodo.
  • Intimoriscono la vittima giocando sulla sua psicologia.

La prima voce in elenco è quella più allettante, e che, in effetti, riesce a fare leva su molte persone.
Ti arriva una splendida email, egregiamente scritta (qualche volta meno e anche con ingiustificabili errori grammaticali), dove ti assicurano che il trading online funziona davvero e che quindi puoi anche tu iniziare ad investire pochi soldi per un periodo di prova.

La maggior parte delle volte, infatti, il deposito richiesto dai truffatori per incominciare ad investire online, varierà dalle 50 alle 250 euro.

Qualche volta, invece, capita anche di imbattersi in siti che ti danno la possibilità di fare una libera scelta, e di investire qualsiasi cifra (volendo, anche inferiore alle 50 euro).

Chiarmanete, tutto questo viene fatto per testare l’utente e per capire quanto in realtà lui sia interessato alla possibilità di investimento.
Stai certo però che, qualsiasi somma tu abbia caricato sulla piattaforma, sarà con molta probabilità persa. Ma non finisce qui.

A questo punto, dopo aver creduto di aver giocato in borsa online, qualche volta perdendo ed il più delle volte vincendo, è possibile che, dopo circa una settimana, tu abbia guadagnato il 20% dell’investimento iniziale, ma attento, perché, guarda caso, non lo potrai ritirare.

Per ritirare i tuoi soldi investiti online dovrai raggiungere una quota di 5.000 euro versati. Ed ecco qui che si innesca il circolo vizioso dei piccoli versamenti o della “maxi rata”.

Alla fine non raggiungerai mai i 5.000 euro con la scusante che le tue azioni sono scese e hanno perso di valore. Quindi, in pratica, stai perdendo denaro. Quando poi il truffatore nota che non vuoi più versare, il tuo credito incomincerà a calare drasticamente, fino ad arrivare inesorabilmente a zero. Ecco, hai appena perso il tuo investimento con un’abile truffa online.

Il secondo metodo, quello psicologico, è sicuramente il più infido del trading online. Chiunque ti contatti fa leva sulla crisi economica e su come puoi mettere al sicuro i tuoi risparmi, guadagnandoci anche sopra.
Una volta che tu versi la tua quota, la società trading on line sparisce, insieme ai tuoi soldi e tanti cari saluti.

Le conseguenze nel rispondere: si!

Apriamo una piccola parentesi, vale a dire quella che riguarda i “procacciatori di clienti”, cioè i centralini, che operano per accalappiare sempre nuove vittime del trading online.

I centralisti chiamano a ripetizione quegli utenti di cui hanno recuperato illecitamente i dati. Quest’ultimi sono molto facili da trovare, oltre alle società che li rivendono, ci sono:

  • Finte offerte di lavoro dove sei costretto a rilasciare tutti i tuoi dati per candidarti;
  • Registrazioni a siti web fasulli che richiedono l’iscrizione anche solo per leggere la homepage;
  • False agenzie interinali o siti web che propongono dei lavori con ottimi guadagni.

Quando vieni contattato, se ci fai caso, le domande che ti vengono rivolte, sono sempre costruite e poste in modo tale da farti rispondere: si!

Ad esempio: lei è la signora Tizia Sempronia? Avendo i tuoi dati sanno che sei tu e la tua risposta, dunque, sarà: si!
Siccome già sanno chi sei, ed hanno gia tutti i tuoi dati, registrando la tua risposta affermativa, e modificando con un programma di montaggio audio il tutto, ti faranno sottoscrivere un contratto di cui non sei e non sarai, nel breve tempo, a conoscenza.

Diciamo “nel breve tempo” perché prima o poi riceverai una missiva di pagamento (e quella stanne certo, arriva sempre). Una pratica assolutamente illegale che ti costringerà necessariamente a rivolgerti ad un avvocato per una tutela a 360°.

Fai attenzione e non abbassare mai la guardia.

Nel caso in cui fossi stato scaltro non rispondendo “si” alla loro domanda iniziale, continua a stare sul chi va là.
Questi truffatori continueranno a farti delle domande oppure a fare delle minacce velate, quali:

  • Il suo conto corrente è stato contraffatto. Possiamo risolvere la situazione, lei è d’accordo?
  • Non ha fatto lei i versamenti? Ma ne è sicuro?
  • Ha aperto un conto, ma non ci troviamo con i suoi dati. È d’accordo se cerchiamo di capire cos’è successo?

I truffatori hanno molta fantasia e sono particolarmente abili. Il consiglio è sempre quello di rispondere con termini affermativi, ma che non diano tuo consenso totale, come:

  • Chi è;
  • Affermativo;
  • Certo;
  • Vediamo;
  • OK.

Non devi mai usare il: sì! Perché il “si” è l’unica risposta legale accettata per la stipula dei contratti online.

Sei stato truffato on line? Denuncia: ecco come procedere.

La denuncia contro una società di trading on line che ti ha truffato, la si può fare alla Polizia postale, alla caserma dei Carabinieri, al comando della Polizia di Stato e alla Guardia di Finanza, ma il consiglio è sempre quello di rivolgersi a dei legali capaci di redigere una querela dettagliata che consenta al Pubblico Ministero di avviare le indagini in maniera più rapida e agevole.

Gli avvocati specializzati nella comprensione delle dinamiche del trading online, riescono ad individuare immediatamente la fattispecie di reato, ed operano, quindi, molto velocemente al fine di tutelare il più possibile i propri clienti.

Se hai capito di essere stato truffato da un’agenzia di trading online, potrai quindi contattarci per la redazione della querela o procedere con una semplice denuncia (a te la scelta).
Da qui sarà poi possibile partire con una serie di azioni legali per l’eventuale recupero del denaro sottratto.

Fai attenzione ad un ulteriore aspetto importantissimo.
Potresti essere contattato da qualcuno che si spaccia per avvocato dell’azienda di trading. Questo sedicente avvocato ti proporrà formalmente un accordo economico a fronte di uno sconto sulle somme, a sua detta, dovute.
Tra le righe potresti anche sentirti minacciato e intimorito, ma non temere.
Purtroppo queste situazioni capitano continuamente, e l’unica cosa che dovrai fare sarà quella di contattare immediatamente il tuo avvocato di fiducia.

Recuperare il denaro rubato si può fare?

Riuscire a recuperare totalmente o parte del tuo denaro investito nel trading online, non è facile. Molte sono le società che chiudono dall’oggi al domani. Altri invece utilizzano dei prestanome che poi si scopre non esser nemmeno perseguibili. Poi ci sono le società che sono all’estero dove tutto si complica. Insomma, c’è bisogno davvero di stare attenti.

Tuttavia c’è un lasso di tempo tra l’emissione dell’ordine del bonifico bancario e l’effettivo accredito, che ti consentirà bloccare il versamento qualora avessi il serio dubbio di essere stato truffato.

È importante, inoltre, che tu abbia un avvocato amico che ti dia i giusti consigli e che funga anche da intermediario con la banca, qualora ce ne fossero i pressupposti.

Nel momento in cui c’è una denuncia redatta da un legale, o comunque ci sono dei cavilli legali ai quali appigliarsi per rallentare gli eventuali accrediti pattuiti, si acquisisce del tempo utile per poter capire come meglio agire in favore dei tuoi diritti violati.

Quando poi è palese che sei stato truffato, la banca che ha congelato l’accredito, può anche versarlo nuovamente sul conto. Ma, ovviamente, questo dipende da una serie di fattori ed è per questo che occorre un’attenta analisi del tuo caso specifico.

Per questo ti consigliamo di non fare mai colpi di testa e di non perdere tempo nel chiedere e richiedere o inviare lunghissime email alla società trading on line che non ti risponde. Non rispondendoti, questi lestofanti, stanno facendo scorrere del tempo prezioso utile a cancellare le tracce della loro truffe online.

5/5 - (6 votes)


    Raccontaci cosa ti è successo.

    Hai bisogno di una consulenza legale? Inviaci un messaggio e paga il contributo. In meno di 24 ore riceverai una risposta.

    contact_form_scroll

    captcha


    Questo articolo ti è risultato utile? Lascia un voto!
    Quello che pensi per noi è molto importante.



    5/5 - (6 votes)



    Articoli correlati