Effetti patrimoniali della separazione.

Effetti patrimoniali della separazione.

Indice

Chiudi
La distinzione fra separazione consensuale e separazione giudiziale in ordine agli effetti patrimoniali.

Quali sono gli effetti patrimoniali generali della separazione?

Separazione e divorzio sono ormai all’ordine del giorno. Tutte le coppie in procinto di separarsi devono conoscere quelle che sono le conseguenze che comporta la separazione.

Gli effetti patrimoniali della separazione tra coniugi sono diversi in base al modo in cui essa avviene (la separazione consensuale o quella giudiziale).
Più precisamente, se si tratta di separazione consensuale, nell’accordo oggetto di omologazione da parte del giudice, i coniugi indicano anche i rapporti di natura patrimoniale, vale a dire divisione dei beni, assegnazione della casa o dei beni in comune, assegno di mantenimento a favore della prole o del coniuge economicamente più debole.

Dunque, i rapporti patrimoniali tra i coniugi vengono scelti e regolati da questi ultimi senza alcun problema.

In caso invece di separazione giudiziale, i beni personali e i beni acquistati prima di contrarre il matrimonio rimangono di proprietà esclusiva del coniuge; quanto invece ai beni acquistati dopo il matrimonio, toccherà al giudice deciderne la sorte. Tale situazione si presenta qualora marito e moglie abbiano scelto la comunione legale dei beni, salvo non sia stato convenuto diversamente nell’atto di matrimonio oppure che i coniugi non abbiano optato per la separazione dei beni.

Cosa accade in caso di separazione se i coniugi hanno scelto la comunione dei beni?

Lo scioglimento della comunione legale dei beni.

Lo scioglimento del regime di comunione dei beni rappresenta il primo effetto patrimoniale delle separazioni legali, naturalmente nel caso in cui i coniugi lo avessero adottato al momento del matrimonio o anche successivamente.

Ciò avviene quando il Presidente del Tribunale autorizza la separazione ovvero alla sottoscrizione del processo verbale di separazione consensuale omologato.
Dal momento che lo scioglimento non interviene a carattere retroattivo, fino a quel momento gli acquisti effettuati dai coniugi sono considerati in comunione dei beni.

In caso di scioglimento della comunione legale dei beni:

  • La comunione ordinaria subentra al posto della comunione legale;
  • Avviene il passaggio al patrimonio comune dei beni de residuo;
  • Subentra un nuovo regime patrimoniale, ossia quello della separazione;
  • Il patrimonio comune è soggetto a divisione.
A chi spetta la casa familiare in caso di separazione dei coniugi?

L’assegnazione della casa familiare.

Un altro importante effetto patrimoniale della separazione concerne l’assegnazione della casa familiare all’uno o all’altro coniuge.

Nell’ipotesi in cui  l’immobile sia di proprietà comune, si potrà pretendere la divisione giudiziale dello stesso; se invece la casa è di proprietà esclusiva di uno dei due coniugi, allora rimarrà a chi detiene la proprietà esclusiva o al genitore al quale vengono affidati i figli, sebbene avrà il solo diritto di godimento.

Effetti patrimoniali della separazione.
Dall’assistenza materiale all’assegno di mantenimento.

L'assegno di mantenimento.

Quando interviene una separazione fra due coniugi, l’obbligo di assistenza materiale si traduce nell’obbligo di versare l’assegno di mantenimento. Quest’ultimo è dovuto:

  • Quando vi è una separazione legale;
  • Qualora uno dei due coniugi non abbia un proprio reddito;
  • Nel caso in cui il coniuge beneficiario dell’assegno non è il responsabile della separazione;
  • Quando il coniuge che deve pagare l’assegno possiede un reddito sufficiente a garantire il mantenimento.
Se dopo la separazione uno dei due coniugi muore, l’altro ha diritto alla pensione di reversibilità?

Eredità e pensione di reversibilità.

Il coniuge separato ha diritto alla pensione di reversibilità dell’altro coniuge qualora quest’ultimo muoia, e ciò in quanto la separazione non scioglie il matrimonio. Dunque, il coniuge superstite risulterebbe vedovo o vedova della defunta o del defunto, e pertanto avrà anche il diritto di ereditare la sua quota di patrimonio.

Vota questo post


    Raccontaci cosa ti è successo.

    Hai bisogno di una consulenza legale? Inviaci un messaggio e in meno di 24 ore riceverai una risposta.

    contact_form_scroll
    captcha


    Questo articolo ti è risultato utile? Lascia un voto!
    Quello che pensi per noi è molto importante.



    Vota questo post



    Articoli correlati