Categoria: Diritto Societario

  • Home
  • Diritto Societario
L'affitto di azienda.

Affitto di azienda

L'art. 2555 c.c. definisce l'azienda come un "complesso di beni organizzati dall'imprenditore per l'esercizio dell'impresa". L'azienda può essere oggetto di un apposito contratto di affitto con il quale un imprenditore concede ad un altro imprenditore (chiamato affittuario) il godimento dell'azienda in corrispettivo di un canone periodico. Il codice civile non disciplina compiutamente l'affitto di azienda ma ne fa solo un richiamo all'art 2562 c.c. stabilendo che ad esso si applicano le norme previste nell'articolo immediatamen...
Leggi
Il patto di famiglia e il passaggio generazionale di impresa

Il patto di famiglia e il passaggio generazionale di impresa

L'art. 768 bis c.c. disciplina un particolare tipo di contratto, chiamato patto di famiglia, con il quale l'imprenditore trasferisce in tutto o in parte l'azienda e il titolare di partecipazioni sociali trasferisce in tutto o in parte le proprie quote ad uno o più discendenti. Con il patto di famiglia si consente all'imprenditore di regolamentare in vita il passaggio generazionale della propria azienda attribuendo la stessa ad uno o più dei suoi discendenti che siano ritenuti più idonei per la prosecuzione dell'impresa senza che ciò...
Leggi
Assemblee societarie in videoconferenza.

Assemblee societarie in videoconferenza

La partecipazione alle assemblee societarie mediante mezzi di telecomunicazione è venuta alla ribalta negli ultimi tempi a causa dell'emergenza sanitaria pandemica. In realtà già prima di tale situazione era possibile partecipare alle assemblee delle società mediante collegamento con mezzi di telecomunicazione (audio/video conferenza). L'art. 2370, quarto comma, c.c. prevede, infatti, che lo statuto può consentire l'intervento mediante mezzi di telecomunicazione ovvero l'espressione del voto per corrispondenza o in via elettronica....
Leggi
La fusione semplificata.

La fusione semplificata

Una delle modalità con cui avviene la fusione è per incorporazione di una società (detta incorporata) in un’altra (chiamata incorporante). Il codice civile prevede una procedura semplificata di fusione che opera nel caso di società posseduta al 100% dalla incorporante. Può accadere, infatti, che la società incorporata sia partecipata interamente dalla società nella quale si fonde, cioè dall’incorporante la quale detiene quindi la totalità del capitale della incorporata (o comunque almeno il 90%). In tali casi, alcune formalità...
Leggi