Cosa è possibile fare sul balcone di casa?

Cosa si può e cosa non si può fare nel balcone di casa?

Indice

Chiudi
Le regole da rispettare sul balcone della propria abitazione per non arrecare disturbo e non deturpare il decoro architettonico.

Sul balcone di casa è possibile appendere i panni, installare antenne, prendere il sole, cucinare, ma entro certi limiti.

Generalmente si è portati a credere che sul balcone di casa propria, essendo proprietari esclusivi, si possa fare ciò che si vuole. Tuttavia, non sempre è così, specie se si vive in condominio dove devono essere rispettate determinate regole al fine di non disturbare gli altri condòmini e di non ledere il decoro dell’edificio condominiale.

Dunque, se sei proprietario di un appartamento ubicato in condominio, devi stare attento a ciò che fai sul tuo balcone, in quanto, se commetti un illecito, sei passibile di denuncia.

In questo articolo verranno elencate quelle che sono le regole da rispettare, non soltanto per evitare liti condominiali, ma anche per non andare contro la legge. In altri termini, ti verrà spiegato nei dettagli ciò che puoi e ciò che non puoi fare sui balconi condominiali.

Sul balcone di casa è possibile accendere la radio, ma non a tutto volume.

Musica sì, ma rispettando la normale tollerabilità.

Innanzitutto, sul balcone di casa non è consentito ascoltare la musica ad alto volume in occasione di feste private con amici o parenti.

Tale comportamento, infatti, può arrecare disturbo non solo agli altri componenti del condominio, ma anche al resto del vicinato e integra il reato di Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone.

Secondo la giurisprudenza di legittimità, detto reato si consuma nel momento in cui si reca danno o comunque si può potenzialmente recarlo ad un numero indiscriminato di soggetti, dal momento che non è sufficiente il mero disturbo di un solo vicino (Cass. Pen., sent. n. 55096/2016).

Ovviamente, tutto questo non significa che non si possa ascoltare la radio sui balconi in condominio: si può cantare e suonare, purché nel rispetto delle regole del vivere in comune e, dunque, con volume moderato e in fasce orarie lontane dal riposo.

Sul balcone di casa si può appendere il bucato o mettere delle piante, purché non sgocciolino.

Si possono stendere i panni e posizionare vasi floreali?

Generalmente stendere i panni sul balcone di casa è ammesso, come pure posizionare dei vasi contenenti fiori o piante, ma a condizione che ciò non sia espressamente vietato dal regolamento condominiale o dal regolamento di polizia urbana, e purché il bucato e i vasi floreali non sgocciolino al piano di sotto.

In alcuni casi ciò non è, però, consentito al fine di preservare il decoro dell’edificio, soprattutto se quest’ultimo è di pregio artistico o situato in centro storico.

Secondo il Tribunale di Milano l’esposizione di biancheria sgocciolante da balconi con ringhiera nel sottostante cortile del condominio è in contrasto con il Codice Civile.

Per il Giudice di pace di Caserta, l’esposizione di panni sulle ringhiere dei piani superiori rientra nei limiti della normale tollerabilità per i proprietari degli appartamenti sottostanti.

Poi ancora, il Tribunale di Bologna, ha affermato che la norma del regolamento di condominio che impone di non esporre i panni concerne soltanto le parti comuni nel rispetto di un generale principio di decoro architettonico, e, dunque, non trova applicazione qualora si tratti del rapporto fra due proprietà individuali; in tal caso, si applicano, invece, le norme sui rapporti di buon vicinato e quelle relative al risarcimento dell’eventuale danno causato in malafede o per colpa.

Cosa si può e cosa non si può fare nel balcone di casa?
Cucinare in balcone è consentito, ma solo nel rispetto della normale tollerabilità.

È possibile fare grigliate sul balcone di casa?

La legge consente di organizzare grigliate posizionando un cucinino sul balcone, purché ciò rientri nella cosiddetta “normale tollerabilità”.

Ciò è stabilito dall’art. 844 c.c. che disciplina le immissioni (fumo, rumori, ecc.), le quali, appunto, non devono superare la soglia della normale tollerabilità.

In altre parole, tutto questo si può fare sul balcone della propria abitazione, ma usando educazione, buon senso e rispetto verso il vicinato: dunque, è possibile posizionare una cucina sul balcone di casa per arrostire qualche fetta di carne per la propria famiglia, ma sicuramente diverso è il discorso se viene organizzata una grigliata in balcone per un gruppo di amici in occasione di una festa privata.

D’altronde,

Il limite di tollerabilità delle immissioni non ha carattere assoluto ma é relativo alla situazione ambientale, variabile da luogo a luogo, secondo le caratteristiche della zona e le abitudini degli abitanti; spetta, pertanto, al giudice di merito accertare in concreto il superamento della normale tollerabilità e individuare gli accorgimenti idonei a ricondurre le immissioni nell’ambito della stessa (Cass., sent. 12 febbraio 2010, n. 3438).

È ammesso prendere il sole, purché non si superino i limiti della decenza.

Sul balcone di casa si può prendere il sole?

È consentito prendere il sole sul balcone di casa, ma senza superare i limiti della decenza.

Sebbene sia vero che nessuno è autorizzato a guardare all’interno della casa altrui, tuttavia, dal momento che i balconi in condominio sono esposti alla pubblica vista, chi per abbronzarsi si espone al sole sul balcone del proprio appartamento completamente nudo, commette l’illecito amministrativo di “atti contrari alla pubblica decenza”.

L’art. 726 cod. pen. sanziona ogni atto contrario alla pubblica decenza.

Secondo la giurisprudenza di legittimità, si integra la fattispecie di cui al suddetto articolo, quando gli atti offendono i principi della pudicizia e della morale, suscitando disagio, disgusto e disapprovazione (Cass. Pen., n. 11293/1983).

Difatti, la pubblica decenza, è quell’insieme di regole etico-sociali che impongono ad ogni individuo di astenersi da tutto quello che può offendere il sentimento collettivo della più elementare costumatezza.

Sì alle antenne e ai climatizzatori sul balcone di casa.

È consentita l’istallazione di impianti di climatizzazione?

Fra le cose da fare sul balcone di casa considerate “lecite” rientra anche l’istallazione di antenne, parabole satellitari e condizionatori.

Ciò lo si evince da una pronuncia del Giudice di Pace di Grosseto, secondo la quale, tutti questi impianti non vengono più ritenuti come causa di deturpazione dell’estetica delle abitazioni e, più in generale, dell’ambiente (Giudice di Pace di Grosseto, n. 1038, 19 agosto 2011).

Ovviamente, non è possibile affermare con certezza che tali impianti non siano lesivi dell’estetica dell’edificio, dunque occorre fare una valutazione caso per caso.

Lanciare mozziconi di sigaretta è reato.

Dal balcone di casa non è possibile buttare sigarette.

Lanciare dal balcone interno di casa mozziconi di sigaretta è considerato reato, sebbene gli stessi non cadano sulla testa di qualche passante.

Poiché si tratta di un reato perseguibile d’ufficio, lo stesso può essere segnalato da chiunque: un dirimpettaio, un passante o anche un agente di polizia.

4.7/5 - (6 votes)


    Raccontaci cosa ti è successo.

    Hai bisogno di una consulenza legale? Inviaci un messaggio e in meno di 24 ore riceverai una risposta.

    contact_form_scroll
    captcha


    Questo articolo ti è risultato utile? Lascia un voto!
    Quello che pensi per noi è molto importante.



    4.7/5 - (6 votes)



    Articoli correlati