Come cercare un’operazione a saldo e stralcio?

Indice

Chiudi
L’accordo transattivo fra debitore e creditori.

Saldo e stralcio immobiliare: in cosa consiste?

Vuoi investire dei soldi, ma non sai come? Dal momento che oggi investire in immobili conviene, potresti comprare casa con saldo e stralcio. Tale procedura, infatti, consente di investire bene i propri risparmi, il che è estremamente importante.

In questo articolo ti verrà spiegato cosa rientra nel saldo e stralcio, come funziona e come aderire al saldo e stralcio.

Saldare e stralciare un immobile vuol dire avviare una procedura di esecuzione immobiliare attraverso un accordo con il debitore e i creditori allo scopo di estinguere il debito, evitando di vendere il bene all’asta.

Con tale accordo, che ha origine da una proposta transattiva a saldo e stralcio (o atto di transazione a saldo e stralcio), il creditore concede al debitore di saldare il debito attraverso il pagamento di una somma inferiore a quella effettivamente dovuta.

Stiamo parlando di una transazione che può essere fatta in qualunque momento:

  • prima che vengano iniziate delle procedure finalizzate al recupero del credito;
  • nel momento in cui sia stata aperta la controversia davanti al giudice.
Il debitore, i creditori e l’acquirente.

I soggetti dell’operazione di saldo e stralcio.

I soggetti del saldo e stralcio sono il debitore, i creditori e l’acquirente dell’immobile.

  • Il debitore è il soggetto che ha contratto un mutuo con una banca per acquistare una casa e che, dopo aver pagato le prime rate regolarmente, si è ritrovato nell’impossibilità di continuare a pagare le rate a causa di un imprevisto che gli ha ridotto il reddito in maniera sostanziale.
  • I creditori possono essere la banca, una società di prestiti, il condominio, ecc.
  • L’acquirente è chi compra l’immobile prima che lo stesso finisca all’asta.
La lettera per saldo e stralcio quale garanzia dell’accordo fra debitore e creditori.

La liberatoria per saldo e stralcio.

Come richiedere un saldo e stralcio? Una lettera per saldo e stralcio (o liberatoria per saldo e stralcio) costituisce la garanzia dell’accordo transattivo. Con essa il creditore comunica al debitore la propria disponibilità ad accettare una somma di denaro inferiore e ne certifica l’avvenuta ricezione.

Se formulata nel modo giusto, la domanda di saldo e stralcio fatta per iscritto, seppur non accettata, potrà essere prodotta in giudizio a propria difesa.

È possibile attuare una proposta di saldo e stralcio anche mediante una procedura esecutiva in corso, un pignoramento in stato avanzato ma non ancora concluso, il cui risultato consisterà in un accordo saldo e stralcio, con soddisfazione per entrambe le parti.

Quello del saldo e stralcio è un metodo particolarmente vantaggioso non soltanto relativamente agli interessi dei creditori, ma anche per quanto concerne il debitore o un terzo acquirente dell’immobile.

Come cercare un’operazione a saldo e stralcio?
I soggetti che possono avviare l’operazione di saldo e stralcio.

Saldo e stralcio immobiliare: chi può aderire?

Ma chi può aderire al saldo e stralcio? Possono avviare la procedura di saldo e stralcio immobiliare tutti quei soggetti che:

  • hanno contratto un debito nei confronti di un istituto di credito o di altri creditori;
  • hanno posto a garanzia del proprio debito un bene immobile;
  • hanno difficoltà con il pagamento delle rate del finanziamento;
  • intendono evitare di imbattersi in una procedura esecutiva che potrebbe svalutare il proprio immobile.

Quelli appena esposti sono i requisiti per saldo e stralcio e, in presenza degli stessi, il debitore ha la possibilità di ricorrere alla consulenza di un esperto in saldo e stralcio immobiliare.

Consulente del debito: cosa fa?

La figura dell’esperto in saldo e stralcio.

In questo paragrafo vedremo come funziona il saldo e stralcio.

L’esperto in saldo e stralcio può essere un consulente del debito o anche un avvocato specializzato in aste giudiziarie.

Il debitore condividerà con l’avvocato per saldo e stralcio tutta la situazione debitoria in modo che il professionista sarà posto in trasparente conoscenza di quella che è l’esposizione passiva del debitore e delle possibilità che quest’ultimo ha per estinguere il suo debito.
Successivamente il professionista predisporrà una bozza di accordo da sottoporre ai creditori, allo scopo di trovare una soluzione che possa soddisfare tutte le parti.
La bozza di accordo può essere soggetta a varie modifiche per via delle diverse controproposte ricevute.
È proprio per questa ragione che si rivela fondamentale affidarsi ad un esperto, il quale sia in grado di tutelare le posizioni e gli interessi del debitore.

I canali che consentono di trovare il compratore dell’immobile.

Saldo e stralcio immobiliare: come ricercare l’acquirente?

Trovare il compratore giusto è importante in un’operazione di saldo e stralcio immobiliare non solo perché la compravendita avviene in tribunale piuttosto che davanti al notaio, ma anche perché maggiore è il prezzo di vendita, maggiore manovra si ha nella negoziazione e maggiore è anche il margine di guadagno.

Sono diversi i metodi che consentono di  individuare un buon compratore.

Generalmente l’avvocato per saldo e stralcio (o il consulente del debito) suole stringere degli accordi con agenti immobiliari della zona, notai ed altri professionisti.

L’agente immobiliare rappresenta il canale migliore per trovare l’acquirente dell’immobile, in quanto conosce il territorio, la domanda e l’offerta, nonché i tempi della compravendita.

Altri canali parimenti importanti sono quelli di online marketing con cui è possibile monitorare l’andamento in tempo reale, tenere il budget sotto controllo e stimare in maniera precisa il ritorno sull’investimento.

Risultano spesso estremamente utili i seguenti strumenti di marketing:

  • Landing page;
  • Social Media;
  • Google Adwords.

La Landing page è una pagina web che il visitatore raggiunge dopo aver cliccato un link o una pubblicità. Essa deve presentare delle immagini dell’immobile di alta qualità, una descrizione dettagliata di quelle che sono le caratteristiche dello stesso, nonché un form di contatto mediante il quale gli interessati possono richiedere informazioni.

I Social Media (ad esempio, Facebook) stimolano la domanda latente degli utenti, proponendo degli annunci in base alle caratteristiche degli stessi: luogo di provenienza, sesso, età, professione, interessi, ecc.

Google Adwords serve ad intercettare un’esigenza dell’utente quando lo stesso cerca qualcosa sul web.

Un buon acquirente deve avere le seguenti caratteristiche:

  • essere realmente interessato all’immobile;
  • essere in possesso della liquidità per acquistare il bene per intero oppure le caratteristiche che gli consentano di accedere agevolmente al mutuo;
  • essere disposto ad effettuare la vendita in tribunale piuttosto che davanti ad un notaio.
5/5 - (2 votes)


    Raccontaci cosa ti è successo.

    Hai bisogno di una consulenza legale? Inviaci un messaggio e in meno di 24 ore riceverai una risposta.

    contact_form_scroll
    captcha


    Questo articolo ti è risultato utile? Lascia un voto!
    Quello che pensi per noi è molto importante.



    5/5 - (2 votes)



    Articoli correlati